Il blog

Microplastiche negli Imballaggi Alimentari: Rischi e Regolamentazioni

Negli ultimi anni, il tema delle microplastiche negli imballaggi alimentari ha acquisito una notevole rilevanza mediatica, diventando un argomento di grande preoccupazione per l’opinione pubblica. Tuttavia, come evidenziato in un articolo di Marco Ortenzi sulla rivista Plastix, molte delle informazioni circolanti su questo tema possono essere distorte o addirittura non veritiere. Questo articolo intende fare chiarezza sui rischi associati e sulle regolamentazioni attuali, distinguendo i fatti dalle fake news.

Le microplastiche sono piccole particelle di plastica, generalmente inferiori a 5 millimetri, che possono derivare dalla degradazione di materiali plastici più grandi o essere prodotte intenzionalmente per applicazioni specifiche. Negli imballaggi alimentari, queste particelle possono derivare da vari processi, inclusi l’usura, il deterioramento e la produzione stessa degli imballaggi.

I rischi associati a queste particelle per la salute umana sono ancora oggetto di dibattito. Alcuni studi suggeriscono che possono entrare nel corpo umano attraverso l’ingestione di cibo e bevande. Ad esempio, un report commissionato dal WWF afferma che ingeriamo circa 5 grammi di plastica alla settimana, un dato che ha suscitato notevole scalpore. Tuttavia, altre ricerche contestano questi numeri, suggerendo che l’effettivo quantitativo ingerito sia molto inferiore. Secondo uno studio dell’Università di Wageningen, un adulto ingerisce in media 883 particelle al giorno, ma la maggior parte di queste viene espulsa dal corpo senza accumularsi in quantità significative.

Dal punto di vista ambientale, queste particelle rappresentano una minaccia significativa per l’ecosistema marino, poiché possono essere ingerite da organismi acquatici, entrando così nella catena alimentare. Tuttavia, è importante sottolineare che le quantità derivanti specificamente dagli imballaggi alimentari sono solo una parte del problema globale.

Le regolamentazioni su questo tema variano a livello internazionale. In Europa, esistono direttive specifiche per ridurre l’uso delle plastiche monouso e promuovere materiali più sostenibili. Tuttavia, le normative specifiche sulle microplastiche negli imballaggi alimentari sono ancora in fase di sviluppo e aggiornamento. La direttiva europea sulla plastica monouso (SUP Directive) è una delle principali normative che mira a ridurre l’inquinamento da plastica, inclusi i rifiuti di particelle microplastiche. Inoltre, gli standard internazionali ISO giocano un ruolo importante nel definire le specifiche tecniche per la gestione di queste particelle nei processi industriali. Diverse organizzazioni stanno lavorando su linee guida per monitorare e ridurre la presenza di queste particelle nei prodotti alimentari, tra cui l’EFSA (Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare) e altri enti regolatori.

Le aziende stanno adottando diverse soluzioni innovative per ridurre la presenza di microplastiche negli imballaggi alimentari. L’uso di materiali biodegradabili e compostabili è in aumento, offrendo alternative sostenibili agli imballaggi plastici tradizionali. Innovazioni nei materiali come bioplastiche e materiali a base di fibre naturali possono ridurre l’uso di plastica. Inoltre, le aziende stanno implementando rigorosi controlli di qualità per minimizzare la frammentazione delle plastiche durante la produzione e il trasporto. La ricerca e sviluppo stanno giocando un ruolo chiave nel creare nuovi materiali e tecnologie per imballaggi più sostenibili.

Diverse aziende alimentari hanno introdotto imballaggi a base di bioplastiche, riducendo significativamente l’uso di plastica tradizionale. Collaborazioni tra aziende e istituti di ricerca hanno portato allo sviluppo di nuovi materiali che minimizzano la produzione di microplastiche. Progetti collaborativi nel settore degli imballaggi alimentari stanno esplorando nuove tecnologie e materiali per ridurre l’impatto ambientale.

In conclusione, l’argomento delle microplastiche negli imballaggi alimentari è complesso e spesso circondato da informazioni contrastanti. È essenziale basarsi su dati scientifici accurati e su regolamentazioni ben definite per affrontare efficacemente questo problema. Mentre i rischi per la salute umana sono ancora in fase di studio, l’adozione di soluzioni innovative e sostenibili da parte delle aziende rappresenta un passo cruciale verso la riduzione dell’impatto delle particelle di plastica sull’ambiente.

Email
Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
GLPS SRL

La GLPS SRL è un’agenzia di rappresentanza di articoli di imballaggio primario per le aziende operanti nel settore alimentare, con una forte specializzazione nei settori caseario, gelato, gastronomia e pasticceria.

NEWSLETTER
CERCA NEL BLOG